martedì 18 dicembre 2012

"SOTTO LA RUGGINE. PICCOLA GUIDA DI UNA CITTA' INDUSTRIALE IN TRE STORIE" di Gian Luca Diamanti. Sabato 22 dicembre presentazione del libro con l'autore



"Che cosa si sarà messa in testa quella vecchia e sporca città?
Non ci vorrà mica venire a raccontare delle storie?
Proprio lei, poi, che è sempre vissuta all'ombra delle ciminiere...
Ma siccome tutti dicono che era una città d'acciaio, mentre oggi è un po' arrugginita, improvvisamente le è venuta voglia di parlare.
E come tutti gli anziani, mescola realtà e fantasia.
Ma ha tanto da raccontare: le avventure da Far West degli agitatori politici e delle donne operaie nelle rivolte d'inizio Novecento; i poeti che rimpiangevano il verde della valle e se ne allontanavano per sentieri tortuosi; i celerini di Scelba che non sapevano andare in bicicletta, ma erano guidati da Pecos Bill.
Mille voci, in mezzo al fumo delle acciaierie, sotto la ruggine, per ricomporre una mappa narrante della città di Terni
"

Sabato 22 dicembre, dalle ore 16.45, verrà presentato il libro di Gian Luca Diamanti "SOTTO LA RUGGINE. PICCOLA GUIDA DI UNA CITTA' INDUSTRIALE IN TRE STORIE" (Intermedia Edizioni, dicembre 2012). 
Oltre all'autore, all'incontro parteciperanno tra gli altri: Simone Guerra, Assessore alla Cultura del Comune di Terni; Giuseppe Magroni, giornalista de 'Il Corriere dell'Umbria.

domenica 16 dicembre 2012

"Dicete angò che è bellu Terni mia!": le foto dell'incontro sul dialetto, la poesia e la storia della nostra città (le foto)

Le foto dell'incontro organizzato al Centro Sociale Guglielmi di Terni dall'Associazione "Rete Sociale Guglielmi" in collaborazione con l'A.S.C.R. Guglielmi onlus, il supporto del Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Terni (CeSVol) e con il patrocinio del Comune di Terni, "Dicete angò che è bellu Terni mia!". 
All'incontro hanno partecipato: Flavio Frontini, culture di dialetti locali ed autore del Vocabolario della lingua ternana, che ha letto alcuni racconti in vernacolo del Prof. Manlio Farinacci e alcune poesie in vernacolo di Furio Miselli; Angelo Ceccoli, cultore di storia locale; Maristella Marinelli, attrice in vernacolo.

Flavio Frontini legge alcuni racconti in vernacolo del Prof. Manlio Farinacci

Flavio Frontini

Angelo Ceccoli parla della storia di Terni

Angelo Ceccoli

Flavio Frontini

Flavio Frontini legge alcuni racconti in vernacolo del Prof. Manlio Farinacci



Flavio Frontini legge delle poesie in vernacolo di Furio Miselli










Flavio Frontini legge alcune poesie in vernacolo di Furio Miselli

venerdì 14 dicembre 2012

"Dicete angò che è bellu Terni mia!": incontro sul dialetto, la poesia e la storia ternana



(Terni) Domenica 16 dicembre presso la Sala "Nicola Marrone" si terrà un nuovo incontro sul dialetto, la poesia e la storia della nostra città. Il titolo dell'iniziativa è una frase del famoso poeta Furio Miselli: "Dicete angò che è bellu Terni mia!".
Parteciperanno il prof. Flavio Frontini, Angelo Ceccoli e Maristella Marinelli.

[Iniziativa realizzata dall'A.P.S. "Rete Sociale Guglielmi", dall'Associazione Sociale Culturale Ricreativa Guglielmi onlus, con il supporto e la collaborazione del Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Terni (CeSVol) e il patrocinio del Comune di Terni]

giovedì 29 novembre 2012

MENO RIFIUTI + BENESSERE: IL GUGLIELMI E ITALIA NOSTRA IN DIFESA DELL'AMBIENTE [LE FOTO]


Andrea Liberati, Presidente della Sezione di Terni dell'Associazione Italia Nostra onlus, e Lorenzo Gianfelice, Presidente del Centro sociale Guglielmi
Sergio Troiani, attore del gruppo teatrale "Quilli de Poche Pretese", Lorenzo Gianfelice

Il Prof. Carlo Santulli
Il Prof. Carlo Santulli

venerdì 9 novembre 2012

MENO RIFIUTI / PIU' BENESSERE: ANCHE IL GUGLIELMI ADERISCE ALL'INIZIATIVA


"La crescita ecocompatibile è l'unica forma di futuro sostenibile, per l'Europa e per il mondo intero. L'industria e l'ambiente devono andare di pari passo, perché nel lungo periodo gli interessi di chi opera in questi due campi sono gli stessi".

(Janez Potočnik - il Commissario europeo per l'Ambiente)


Anche l'Associazione Sociale Culturale Ricreativa Guglielmi onlus aderisce, sottoscrivendone il documento condiviso, all'iniziativa "- Rifiuti + Benessere in 10 mosse" promossa dall'Associazione dei Comuni Virtuosi in collaborazione con Italia Nostra onlus e Adiconsum.


meno rifiuti più benesere

Meno Rifiuti Piu' Benessere in 10 mosse questo è lo slogan di un'azione che intraprenderemo in collaborazione con Italia Nostra e Adiconsum rivolgendoci direttamente al mondo della produzione e della distribuzione per sollecitare 10 azioni attuabili nel breve e medio termine per alleggerire l'impatto ambientale di imballaggi e articoli usa e getta.
Le azioni che sollecitiamo sono contenute, motivate e supportate da dati di fatto internazionali e nazionali, all'interno del documento condiviso che diffonderemo a partire da oggi verso enti locali, associazioni e singoli individui per richiederne la sottoscrizione.
Questo appello e il livello di consenso raggiunto con le adesioni verrà reso noto in occasione dell'evento europeo di sensibilizzazione Settimana Europea per la riduzione dei Rifiuti (dal 17 al 25 novembre) che porta alla ribalta una necessità, già nota ma sempre più impellente, di intervenire a monte per rompere il legame tra crescita economica e impatto sull’ambiente, in termini di consumi e quantità di rifiuti prodotti.
Tra gli obiettivi di questa azione la necessità di fare arrivare direttamente alle aziende un appello all'azione forte e chiaro affinché affrontino per la parte di loro competenza, alla radice e con più determinazione, quelle condizioni che determinano un aumento o una mancata riduzione nella produzione dei rifiuti lungo tutto il ciclo di vita dei prodotti immessi in commercio.
Il contesto italiano attuale richiede soluzioni e risposte immediate che arrechino benefici a breve termine. Il piazzamento in classifica del nostro paese al 20° posto su 27 paesi UE come gestione dei rifiuti -di cui forniamo dettagli nella premessa del documento- costituisce la riprova di questa urgenza.
Questo anche perché ancora mancano da noi quelle politiche caratterizzate da una combinazione adeguata di strumenti giuridici, amministrativi ed economici che da tempo negli altri paesi europei (meglio performanti di noi) hanno reso la prevenzione, il riuso e il riciclo economicamente più vantaggiosi rispetto allo smaltimento in discarica o negli inceneritori.
Pertanto quand'anche gli enti locali arrivassero a realizzare la migliore delle raccolte differenziate possibile, essendo il riciclaggio un processo industriale, il ruolo che possono giocare le aziende nell'immettere imballaggi che possano essere facilmente differenziati e riprocessati industrialmente è imprescindibile. Lo stesso vale per le azioni di prevenzione dei rifiuti poiché quando il prodotto o il packaging arriva a scaffale i giochi sono ormai fatti. La fase di progettazione determina in larga misura il carico ambientale che il prodotto avrà durante tutte le fasi del ciclo di vita.La scelta di un materiale piuttosto che un altro inciderà su tutte le fasi a monte del processo, dall'estrazione delle materie prime, alla produzione di energia utilizzata per estrarle e lavorarle, ai trasporti, etc. Questa scelta sarà allo stesso determinante quando il prodotto dovrà essere smaltito. Il progettista e più in generale l'azienda che studia un nuovo prodotto non può esimersi dal considerare come questo prodotto potrà essere recuperato, riciclato o riutilizzato una volta che terminerà la sua funzione primaria.
Molte aziende ormai sanno di poter contare, sin dalla fase di progettazione del packaging, su tutta una serie di informazioni di alto livello tecnico e professionale che sia il consorzio Conai di riferimento sia esperti del settore sono in grado di fornire.
Entrando nel merito delle richieste si tratta di una serie di azioni possibili di prevenzione e riduzione degli imballaggi e articoli usa e getta supportate da alcuni esempi concreti ispirati a casi di successo già in vigore in altri paesi ed in coerenza con gli artt. 4 , 8 (responsabilità estesa del produttore ERP) e 29 della direttiva 98/2008/CE recepita dal governo italiano attraverso il decreto legislativo 205/2010. Tale direttiva ha introdotto significative novità volte a rafforzare i principi della precauzione e prevenzione nella gestione dei rifiuti già regolamentati dagli articoli 179 e 180 del D.Lgs n.152 del 2006 ma spesso ignorati.
Le realtà rappresentate nell'Associazione possiedono un bagaglio di competenze tecniche, proposte che sono scaturite da best practices già in atto sul tema rifiuti sicuramente in grado di anticipare parte dei contenuti che saranno oggetto del piano di prevenzione nazionale dei rifiuti che è stato annunciato dal Ministero per l'Ambiente entro fine anno.

L'Unione Europea ha d'altronde già da tempo preso in considerazione i temi della prevenzione e del riciclo dal 2006 all'interno delle comunicazioni chiamate “strategia tematica sulla prevenzione e il riciclo dei rifiuti" concludendo che la prevenzione deve influenzare “ l'intero ciclo di vita degli imballaggi - dall'estrazione delle materie prime allo smaltimento- non solo degli imballaggi ma anche dei prodotti imballati”.Perseguire obiettivi condivisi che portino ad una riduzione dei rifiuti indifferenziati e a creare i presupposti per lo sviluppo di un'industria verde come quella del riciclo giova alla ripresa economica poiché non solamente abbassa i costi di gestione dei rifiuti (e le bollette dei cittadini) ma crea anche posti di lavoro.
La recente costituzione avvenuta a Capannori dell'associazione nazionale delle “Comunità Rifiuti Zero”, alla quale l'Associazione Comuni Virtuosi aderisce (che conta oltre 100 Comuni e diverse associazioni), testimonia un livello di conoscenza e consapevolezza acquisita da parte degli Enti Locali e della Società Civile sul tema della gestione dei rifiuti di cui le aziende dovrebbero tenere conto per impostare insieme un dialogo costruttivo e un percorso condiviso.
Clicca qui per leggere e sottoscrivere il documento.

Link utili:

Il form per sottoscrivere la petizione
http://www.comunivirtuosi.org/index.php/meno-rifiuti?view=petition&id=49

Il codice HTML del banner dell'iniziativa
http://www.comunivirtuosi.org/index.php/component/content/article/50-petizioni/1848-meno-rifiuti-piu-benessere#banner

La pagina dedicata alla petizione dove si può scaricare il documento condiviso e leggere le 10 azioni
http://www.comunivirtuosi.org/index.php/component/content/article/50/1848-meno-rifiuti-piu-benessere

venerdì 2 novembre 2012

IL 16 E IL 17 NOVEMBRE IN PIAZZA DELLA REPUBBLICA. IT'S TIME TO MAKE A CHANGE!


E' un'iniziativa interamente dedicata all'educazione, alla formazione e all'informazione sullo sviluppo sostenibile, con particolare attenzione agli stili di vita ecologici, alle buone pratiche di gestione sostenibile e al loro intimo legame con la crescita di responsabilità e partecipazione di cittadini e organizzazioni. 

Primo appuntamento di un progetto più ampio che ha come obiettivi e finalità quelli di: a) promuovere la consapevolezza nell'acquisto di prodotti in conseguenza delle caratteristiche degli imballaggi e della loro possibile riciclabilità o riuso; b) presentare le possibili opzioni di smaltimento e gestione della raccolta differenziata e valutare il loro rispettivo impatto ambientale, con l'idea che il cittadino possa divenire conscio della possibilità di promuovere nel proprio piccolo i comportamenti virtuosi e più in generale possa formulare proposte e suggerire modifiche atte a migliorare la situazione ambientale nel contesto in cui vive; c) fornire indicazioni, anche quantitative e pratiche, sull'impatto ambientale generato da scelte non corrette (buttare il cibo, non riusare imballaggi ove possibile, ricomprare invece che riparare...); d) attraverso mini-laboratori avviare delle esperienze di conoscenza dei materiali e delle loro problematiche d'uso e di smaltimento tali da portare alla formulazione di idee applicabili al contesto locale che portino ad un efficace e praticabile risparmio di risorse.

Inserita nell'ambito della due giorni "GenerAzioni X" organizzata dal Comune di Terni in collaborazione con il Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Terni (CeSVol), l'ANCeSCAO comprensoriale di Terni-Narni-Amelia, l'Auser e altri, per celebrare l'Anno Europeo dell'Invecchiamento Attivo e della Solidarietà tra le Generazioni, l'iniziativa è stata ideata e sarà realizzata dal Centro Sociale Guglielmi di Terni (A.S.C.R. Guglielmi onlus & A.P.S. "Rete Sociale Guglielmi"), dall'Associazione EcologicPoint - Il portale ecologico della Provincia di Terni e la locale sezione di Italia Nostra onlus.

Fin d'ora, un ringraziamento particolare va al Prof. Carlo Santulli, al quale va anche la nostra riconoscenza per l'aiuto e l'infinita disponibilità.

lunedì 1 ottobre 2012

IL 3 OTTOBRE, AL GUGLIELMI NONNI E NIPOTI IN FESTA

Programma generale dell'iniziativa

Festa del Nonno e del Nipote al Guglielmi

Anche il Centro Sociale Guglielmi partecipa, come ogni anno, alla Festa Provinciale del Nonno e del Nipote organizzata in collaborazione con l'Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Terni, il Coordinamento comprensoriale dell'ANCeSCAO e le locali rappresentanze di CNA, Confcommercio e Conartigianato.

In alto trovate il programma generale dell'iniziativa che si svolgerà a partire da domani (2 ottobre) fino a domenica 7 ottobre e la locandina della Festa del Nonno e del Nipote che si svolgerà mercoledì 3 ottobre, dalle ore 16.00, presso la sede sociale dell'Associazione, sita in Terni vico della fontanella n. 29. 

Ci sarà anche una sorpresa per i più piccoli con la partecipazione straordinaria del MAGO MERLUZZO, un mago pazzerello e pasticcione ma tanto divertente...

Vi aspettiamo nonni, in compagnia dei vostri nipotini!

_________________

Per informazioni contattare la nostra segreteria ai seguenti recapiti:
- telefono e fax 0744/407155
- cellulare 3401530943
- e-mail centroguglielmiterni@gmail.com 



sabato 4 agosto 2012

IT'S TIME TO MAKE A CHANGE!



Potrà sembrarvi prematuro ma abbiamo pensato di iniziare a parlare del nuovo progetto del Centro Sociale Guglielmi.
Prenderà il via all'inizio di ottobre e ci vedrà impegnati in un percorso lungo circa un anno.
Per ora non sveleremo molto ma vi terremo costantemente aggiornati sugli sviluppi.

Allo sviluppo dell'idea progettuale e alla stesura del progetto hanno partecipato, oltre alle associazioni del Centro (ASCR Guglielmi onlus e APS Rete Sociale Guglielmi), l'associazione EcologicPoint, la sezione di Terni di Italia Nostra onlus e l'ANCeSCAO. 

Fin da ora, un ringraziamento particolare va al prof. Carlo Santulli al quale va la nostra riconoscenza per l'aiuto e l'infinita disponibilità.

martedì 17 luglio 2012

[TERNI] "CHI SEMINA GENEROSITA', RACCOGLIE UN FUTURO PIU' SERENO", ANCHE IL CENTRO SOCIALE GUGLIELMI SOSTIENE LA RICERCA E TELETHON


"Chi semina generosità, raccoglie un futuro più sereno"

Anche il Centro Sociale Guglielmi di Terni, con le iniziative che verranno realizzate dalle Associazioni aderenti (ASCR Guglielmi onlus e APS Rete Sociale Guglielmi), sostiene le attività di Telethon nella convinzione che investire nella ricerca rappresenti il modo più importante per garantire un futuro più sereno ai nostri figli, ai nostri nipoti e a tutte le future generazioni.
Il calendario delle iniziative, sulla base dell'accordo nazionale tra ANCeSCAO (Associazione Nazionale Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti) e Telethon dello scorso 27 marzo, verrà reso noto nei prossimi giorni. 
Nel frattempo chiunque volesse può iniziare a sostenere la ricerca anche donando 1 solo euro presso la segreteria del Centro Sociale Guglielmi.

Per informazioni:
- segreteria: vico della fontanella n. 29, Terni
- telefono e fax: 0744/407155
- cellulare: 3401530943
- e-mail: centroguglielmiterni@gmail.com


domenica 1 luglio 2012

CALENDARIO DELLE ATTIVITA' DEL CENTRO SOCIALE GUGLIELMI



Leggenda delle Attività:

  • tutte le attività pubbliche (dunque accessibili da tutta la cittadinanza) sono contraddistinte da un quadrato verde
  • tutte le attività non pubbliche (dunque riservate ai soci dell'Associazione o a quelli dell'ANCeSCAO) sono contraddistinte da un quadrato rosso

lunedì 18 giugno 2012

[TERNI] CONSEGNATO IL PREMIO NICOLA MARRONE PER IL SOCIALE 2012


Cerimonia di consegna del Premio Nicola Marrone per il Sociale 2012, il presidente del Centro Sociale Guglielmi Lorenzo Gianfelice

Cerimonia di consegna del Premio Nicola Marrone per il Sociale 2012, la figlia di Nicola Patrizia Fioroni

Cerimonia di consegna del Premio Nicola Marrone per il Sociale 2012, l'Assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Terni Marcello Bigerna


Cerimonia di consegna del Premio Nicola Marrone per il Sociale 2012, la presidente del CeSVol - Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Terni, Valeria Cerasoli

Cerimonia di consegna del Premio Nicola Marrone per il Sociale 2012, il presidente regionale dell'ANCeSCAO (Associazione Nazionale Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti) dell'Umbria, Claudio Barbanera

Una foto dei premiati per la categoria 'giornalismo', Claudio Lattanzi e Vanna Ugolini

Domenica 17 giugno, presso i locali del Centro Sociale Guglielmi di Terni si è svolta la cerimonia di consegna del Premio Nicola Marrone per il Sociale 2012.
Il Premio è stato istituito l'11 giugno dello scorso anno in occasione del primo anniversario della scomparsa di Nicola Marrone che il 22 gennaio 1989 fondò il primo Centro Sociale del Comune di Terni - il Guglielmi appunto - del quale divenne presidente e guida per i successivi diciannove anni. Su suo impulso l'Associazione ha partecipato, il 12 marzo 1990, alla costituzione dell'ANCeSCAO (Associazione Nazionale Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti).
Un riconoscimento sentito e più che dovuto ad una figura di primo piano del Volontariato e del Sindacato ternano che ha trascorso una vita in difesa della 'povera gente': gli anziani, gli indigenti, i dimenticati.

Alla manifestazione hanno partecipato:
Marcello Bigerna, Assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Terni
Valeria Cerasoli, Presidente del CeSVol - Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Terni
Claudio Barbanera, Presidente regionale ANCeSCAO dell'Umbria


Quest'anno si è ritenuto opportuno premiare:

Categoria "Promozione Sociale"
"con profonda stima e riconoscenza per la costante e preziosa opera svolta in favore della popolazione anziana"
Giampaolo Tini, Presidente del Centro Sociale "Cesure"
Graziella Ragni, Presidente del Centro Sociale "Narni-Scalo"

Categoria "Cultura"
"con profonda stima e riconoscenza per aver concorso alla crescita culturale dell'intera comunità"
Angelo Ceccoli
Giampiero Raspetti

Categoria "Ambiente"
"con profonda stima e riconoscenza per aver concorso alla diffusione della cultura e dell'educazione ambientale"
Flavio Frontini
Associazione Ecologic Point

Categoria "Giornalismo"
"con profonda stima e riconoscenza per l'approfondita inchiesta su un tema di grande interesse sociale e civile"
Claudio Lattanzi, autore de "La mafia in Umbria. Cronaca di un assedio"
Vanna Ugolini, autrice de "Nel nome della cocaina"

per il Centro Sociale Guglielmi
"con profonda stima e riconoscenza per aver concorso con effettivo e personale contributo partecipativo al progresso e al benessere dell'Associazione"
Danilo Sforzini

La manifestazione è stata organizzata dall'Associazione Sociale Culturale Ricreativa Guglielmi onlus in collaborazione con ANCeSCAO (Associazione Nazionale Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti) ed il CeSVol - Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Terni, con il patrocinio della Provincia di Terni, del Comune di Terni e della Circoscrizione EST.

giovedì 31 maggio 2012

DOMENICA 17 GIUGNO, PREMIO "NICOLA MARRONE" PER IL SOCIALE




Si svolgerà domenica 17 giugno, alle ore 16.00, presso i locali sociali dell'Associazione, la cerimonia di consegna del Premio "Nicola Marrone" per il Sociale 2012.

Il Premio è stato istituito l'11 giugno dello scorso anno in occasione del primo anniversario della scomparsa di Nicola Marrone che il 22 gennaio 1989 fondò il primo Centro Sociale del Comune di Terni, il Guglielmi, del quale divenne presidente e guida per i successivi diciannove anni. Su suo impulso l'Associazione ha partecipato, il 12 marzo 1990, alla costituzione dell'ANCeSCAO (Associazione Nazionale Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti).

Un riconoscimento sentito e più che dovuto ad una figura di primo piano del Volontariato e del Sindacato ternano che ha dedicato una vita alla difesa della 'povera gente': gli anziani, gli indigenti, i dimenticati.

Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

Programma:
- ore 16.00 commemorazione di Nicola Marrone
- ore 16.30 saluto autorità
- ore 17.00 cerimonia di premiazione
- ore 18.00 intrattenimento musicale e rinfresco

domenica 27 maggio 2012

Museo Regionale dell'Emigrazione "Pietro Conti", fantastico "luogo della memoria"

I soci dell'Associazione "Rete Sociale Guglielmi" hanno visitato ieri, sabato 26 maggio 2012, il Museo Regionale dell'Emigrazione "Pietro Conti" a Gualdo Tadino. 
Accompagnati dai responsabili del Museo e dal nostro socio Carlo Grullini che è anche responsabile dell'ARULEF (Associazione Regionale Umbra Lavoratori Emigrati e Famiglie) e uno dei fondatori del Museo, abbiamo avuto la possibilità di visitare un importante "luogo della memoria" che non fornisce solo informazioni ma riesce a trasmettere anche suggestioni ed emozioni.


Per non dimenticare un pezzo importante della storia del nostro paese e per capire i fenomeni dell'oggi
L'emigrazione di milioni di italiani è stata dapprima oscurata perché disturbava l'orgoglio nazionale
E' stata poi considerata buona e contrapposta a quella cattiva di chi oggi arriva in Italia a cercare futuro

Si dice che i nostri emigranti erano richiesti e che non erano clandestini
dimenticando i mille modi utilizzati per entrare in quei paesi che non li volevano
dimenticando che solo cinquant'anni fa gli italiani morivano nel tentativo disperato di passare i valichi di Francia e Svizzera
dimenticando il ruolo avuto nella criminalità organizzata di molti paesi dove sono emigrati

Contro l'intolleranza dell'oggi vale la pena ricordare l'epoca in cui
eravamo noi i diversi, eravamo noi a turbare il paesaggio umano di città straniere, eravamo noi ad essere considerati un pericolo per l'ordine pubblico

Ricordare ci aiuterebbe non solo a capire chi adesso vive la stessa sorte nel nostro paese ma anche a non rinnegare esistenze cui dobbiamo parte dell'odierno benessere e quindi della dignità individuale

[da uno dei pannello centrali del Museo Regionale dell'Emigrazione "Pietro Conti" a Gualdo Tadino]








INSIEME per imparare e condividere, INSIEME per non dimenticare, INSIEME per divertirsi !!!