ATTIVITA'



CARTA DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA' 2013-2014

Attività culturali:

  • LeggerePensare/Incontri letterari al Guglielmi
  • CineForum Guglielmi
  • Premio Nicola Marrone per il Sociale
Formazione:
  • lapost@deinonni.it, il computer a portata di anziano
  • Corso di ricamo e cucito
  • Incontro formativo sulle epilessie per docenti e genitori delle scuole dell'infanzia, primarie e secondarie
  • Guglielmi Scuola
Laboratori:
  • Laboratorio Teatrale "Quilli de Poche Pretese"
  • Laboratorio delle Arti e dei Mestieri "Passato e Futuro"
Advocacy:
  • Sportello di ascolto/consulenza sull'Epilessia
Sociale e Volontariato:
  • Anziani Insieme
  • S.O.S. Guglielmi
  • Casa dei Nonni e delle Nonne
  • Sistema SAL (Progetto GIONA)
  • Pre.di-Ci/Presidio di Cittadinanza per il Volontariato della Città di Terni
Informazione e Comunicazione Istituzionale:
  • Anno Europeo dei Cittadini
  • Sostenibilità Ambientale e Raccolta Differenziata
Salute e Prevenzione:
  • Gruppi di Cammino
  • Ginnastica dolce
  • Incontri informativi


RELAZIONE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO ANNO 2011/2012

PROGETTO "PRE.DI-CI / Presidio di Cittadinanza per il Volontariato della Città di Terni"
Ideato dall'Associazione e co-finanziato dal Cesvol della Provincia di Terni; realizzato in collaborazione con altre Associazioni operanti sul territorio: Comitato per i Diritti dei Bambini, Italia Nostra onlus, Associazione Culturale "NahArti", Assos Terni, Associazione di Promozione Sociale "Rete Sociale Guglielmi", ANCeSCAO - Coordinamento Comprensoriale di Terni Narni Amelia, GAT; settori di intervento: Nuove generazioni, Anziani, Ambiente; Avviato nel 2010

Elementi fondamentali del progetto:
  1. individuazione degli stakeholders (portatori di legittimi interessi rispetto a un determinato argomento che agiscono sul territorio), nel caso specifico tutti i soggetti interessati e coinvolti dal processo di sviluppo e coordinamento delle attività sociali e di volontariato del territorio ternano, che verranno invitati ad aderire al progetto;
  2. predisposizione di un sito e produzione di materiale per la divulgazione;
  3. attivazione di gruppi di lavoro tematici che consentano di sviluppare un costruttivo confronto per l'individuazione di metodologie e comportamenti condivisi tra le varie organizzazioni anche allo scopo di:
    • migliorare l'utilizzazione delle risorse a disposizione;
    • favorire la consapevolezza critica e la partecipazione, anche dei cittadini, ai processi di erogazione dei servizi;
    • elaborazione di buone pratiche condivise tra gli stakeholders;
    • individuare tutte le collaborazioni possibili per la realizzazione di interventi a favore del sociale e del volontariato in sinergia tra gli stakeholders allo scopo di limitare sovrapposizioni di ruoli e di interventi;
    • migliorare i servizi offerti;
  4. definizione e predisposizione di specifici piani di azione contenenti obiettivi strategici, azioni da realizzare, target da raggiungere attraverso le forme di collaborazione più adatte tra gli stakeholders per l'attivazione di progetti innovativi e/o sperimentali di particolare rilevanza per il volontariato.
Il progetto Pre.di-Ci potrebbe rappresentare uno strumento di partecipazione innovativo e fondamentale per la definizione di politiche per il volontariato a livello locale. Coinvolgerebbe le organizzazioni ed i soggetti portatori di interessi legittimi e rappresentativi della realtà sociale, culturale ed ambientale del territorio in cui si svolge il processo.
Tra gli obiettivi, Pre.di-Ci non avrebbe soltanto funzioni di consultazione ma anche di validazione dei Piani di Azione e delle proposte elaborate dai Gruppi di Lavoro tematici o dai singoli stakeholders con la creazione di nuovi modelli di sviluppo e di organizzazione dei servizi di volontariato del territorio, la valorizzazione delle reti sociali e territoriali per produrre partecipazione sociale.

Nel corso del 2010 sono stati attivati i seguenti gruppi di lavoro tematici: Nuove generazioni; Anziani; Ambiente.
Gruppo di lavoro "Nuove generazioni"
Stakeholders aderenti: A.S.C.R. GUGLIELMI onlus; Comitato per i Diritti dei Bambini - Terni; Coordinamento dei Genitori Democratici - Terni; Fish; Movimento per l'infanzia; Ass. Maestri Cattolici Italiani; Acli della Provincia di Terni; Arci; Ass. "Genitori si diventa"; Ass. "Albero del pane"; Apav.
Attività: 1) partecipazione al corso di formazione finanziato dal Cesvol e realizzato dal Coordinamento dei Genitori Democratici di Terni per la realizzazione del progetto "agenda 0-18"; 2) coordinamento di numerose riunioni presso la sede della Provincia di Terni per la predisposizione del progetto "Agenda 0-18" con l'aiuto di tutte le associazioni aderenti; 3) predisposizione del progetto "Agenda 0-18" presentato a novembre 2010 per il bando nazionale per i progetti sperimentali di volontariato.
Gruppo di Lavoro "Ambiente"
Stakeholders aderenti: A.S.C.R. GUGLIELMI onlus; ITALIA NOSTRA onlus - Sezione di Terni; Associazione Culturare "NahArti"; GAT - Gruppo d'Acquisto Terni; Ecologicpoint - Portale ecologico della Provincia di Terni; UmbriaTurismo.net - Portale turistico dell'Umbria; ANTA Italia - Associazione Nazionale per la Tutela dell'Ambiente.
Attività: 1) coordinamento di numerose riunioni per la predisposizioni delle azioni progettuali, per l'analisi delle maggiori criticità e per l'individuazione delle linee guida per lo svolgimento del progetto...

Nell'ambito delle attività del progetto Pre.di-Ci, si sono avviati una serie di incontri formativi e divulgativi legati all'educazione ambientale (sostenibilità ambientale, beni ambientali e paesaggistici e loro tutela) che rappresentano la prima parte del progetto stesso. Lo scopo primario di tali lezioni è stato quello di sensibilizzare l'opinione pubblica e la cittadinanza.
CICLO DI LEZIONI SULLA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE
Il ciclo di incontri si è rivolto a tutti i cittadini che volevano inserire la pratica della raccolta differenziata nel loro contesto più generale della sostenibilità ambientale. Sono incontri di tipo divulgativo, della durata di un'ora circa, il cui obiettivo è di prendere maggiore consapevolezza di ciò che intendiamo come impatto ambientale. Gli incontri sono stati tenuti dal Prof. Carlo Santulli, docente e ricercatore all'Università "La Sapienza" di Roma:

  • 20/01/2011 - Sostenibilità ambientale e sostenibilità sociale: il concetto di sostenibilità; pratiche sociali sostenibili e cultura del riuso; costo economico e costo ambientale (scarica la dispensa in PDF);
  • 03/02/2011 - Produzione globale / effetto locale: raccolta differenziata, chiarificazione degli obiettivi e buone pratiche per il suo massimo rendimento; dipendenza dell'impatto ambientale dalle decisioni locali (scarica la dispensa in PDF);
  • 17/02/2011 - Assemblare e disassemblare: progettazione per il disassemblaggio; effetto delle giunzioni tra materiali; tipi di imballaggi ed esempi relativi di impatto ambientale da packaging; situazione pratica di disassemblaggio; analisi del ciclo di vita dei materiali: confronto di casi; applicazione di plastiche alternative a quelle ottenute dal petrolio (scarica la dispensa in PDF);
  • 03/03/2011 - Il riciclo e le altre R: le altre R e la quarta R; potenzialità della riparazione per la riduzione del costo ambientale; strategie pratiche di riparazione: verso il Rep-rap universale (scarica la dispensa in PDF);
CICLO DI LEZIONI SUI BENI AMBIENTALI E PAESAGGISTICI E LORO TUTELA
Il ciclo di conferenze tenuto dal Dott. Saverio Ricci, dottore di ricerca in Conservazione dei Beni Culturali all'Università della Tuscia di Viterbo, presidente dell'Associazione Culturale NahArti Umbria, ha preso in esame il concetto, a volte sfuggente ed aleatorio, di paesaggio, un bene da ritenere di eccezionale interesse collettivo sia da un punto di vista ambientale ed ecologico che culturale.
La prima conferenza si è svolta seguendo il fil rouge del dibattito innescatosi sull'argomento nel secolo scorso: dai richiami alla legislazione italiana ed internazionale in materia, ai primi pioneristici tentativi di dar vita e dei piani-pilota di risanamento paesaggistico, culminati in anni recenti nella messa a punto di convenzioni che chiariscono il quadro di riferimento almeno sotto il profilo teorico e giuridico. La riflessione si è conclusa giungendo a considerare gli aspetti di traino economico svolti dal "bene" paesaggio, principale veicolo promozionale dell'industria turistica.
Nelle successive conferenze, il tema è stato affrontato secondo una prospettiva storica, in relazione alle perdite e alle ferite inferte allo straordinario patrimonio paesaggistico dell'Italia, quindi le attenzioni si sposteranno sulla contrapposizione tra esigenze conservative e istanze innovative che alimentano spesso le cronache e le polemiche in diverse regioni del Paese, infine dal generale si scenderà al particolare, analizzando la situazione locale e alcuni episodi recenti di "scempi" che hanno contribuito a impoverire ulteriormente il già troppe volte devastato paesaggio ternano.
****

PROGETTO "AGENDA 0-18"
Progetto di cui l'Associazione è capofila, realizzato in collaborazione con la Regione dell'Umbria, la Provincia di Terni, i 33 Comuni della Provincia di Terni, il Cesvol della Provincia di Terni, il Coordinamento dei Genitori Democratici, la Fish, Legambiente, il Movimento per l'Infanzia, l'Ass. Maestri Cattolici Italiani, le Acli, l'Arci, l'Ass. "Genitori si divente", l'Ass. "Albero del pane" e l'Apav - attivato nel 2010

Ambito di azione
Gli ambiti di azione scelti nel presente progetto sono quelli dell’individuazione e promozione di azioni e modalità rivolte alla prevenzione del disagio minorile e di sperimentazione di forme volontarie di coinvolgimento dei giovani nella definizione delle politiche che li riguardano, capaci di favorire esperienze di partecipazione sociale e di promozione della cittadinanza attiva.
Tale scelta nasce dalla conoscenza del contesto territoriale ternano, in cui si riscontrano profondi cambiamenti nel quadro demografico, nella struttura della popolazione e nelle condizioni socio-economiche e culturali di vita di bambini e adolescenti.
Nella società è cambiata la concezione stessa dell’infanzia e dell’adolescenza, con una frequente contraddizione tra affermazioni di principio e prassi generalizzate, e con una perdita di centralità effettiva del rispetto dei diritti dei minori da parte degli adulti. Ma sono cambiate anche le stesse famiglie dove i bambini e i ragazzi crescono.

Sintesi dell’idea progettuale
L’idea progettuale è quella di coinvolgere i giovani sia nell’individuazione dei loro bisogni e delle carenze del territorio, sia nella definizione di scenari futuri di miglioramenti e di contrasto del disagio minorile (a cui la rete associativa e istituzionale di propone di dare attuazione), facendo agire ai ragazzi forme di partecipazione attiva in grado di educare alla cittadinanza.

Obiettivi perseguiti
Gli obiettivi perseguiti nel presente progetto sono: la promozione di iniziative di volontariato che prevedano, anche attraverso il coinvolgimento delle altre organizzazioni del terzo settore, delle amministrazioni pubbliche e delle istituzioni scolastiche o localmente attive, la partecipazione dei giovani; nonché la realizzazione di iniziative di cittadinanza attiva e partecipata nelle quali siano coinvolti i giovani stessi.
Tali obiettivi sono coerenti con la sperimentazione sul territorio ternano di una metodologia di programmazione delle politiche rivolte all’infanzia e all’adolescenza, condivisa nei suoi principi dalla rete associativa e dalle istituzioni locali, che permetta di mettere in atto le indicazioni programmatiche del II Piano Sociale Regionale della Regione Umbria:
  • considerare costantemente i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza nell’esercizio delle nostre responsabilità adulte, in quanto genitori, insegnanti, tecnici, dirigenti, amministratori pubblici, cittadini;
  • creare condizioni permanenti e occasioni di dialogo con bambini, ragazzi e giovani, per condividere, operare e costruire insieme, esprimendo una capacità adulta di presenza responsabile che consenta loro di prendere la parola di assumere progressivamente iniziative in quanto cittadini, in relazione alla loro età, alle loro capacità e competenze.
****

CINEFORUM GUGLIELMI 2011
La scelta di attivare il "Cineforum Guglielmi" è stata dettata dalla necessità di favorire l'integrazione e la solidarietà contro la discriminazione attraverso la visione di documentari in grado di semplificare il processo di comprensione di alcuni avvenimenti. Nel corso del 2011 sono stati proiettati i seguenti film documentari con ingresso gratuito rivolto a tutta la cittadinanza:
  • 06/02/2011 - "Come un uomo sulla terra" sulla situazione dei migranti in Libia. "Dal 2003 Italia ed Europa chiedono alla Libia di fermare i migranti africani. Ma cosa fa realmente la polizia libica? Cosa subiscono migliaia di uomini e donne africani? E perché tutti fingono di non saperlo?". Un film di Andrea Segre, Dagmawy Yimer con la colleborazione di Riccardo Diabene, prodotto da Asinitas onlus e associazione Za-Lab;
  • 31/01/2011 - "Il sangue verde. La voce dei braccianti africani che hanno manifestato a Rosarno contro lo sfruttamento e la discriminazione", un film di Andrea Segre, prodotto da associazione Za-Lab in coproduzione con Aeternam Films con la collaborazione di RAI3-Doc3 e JoleFilm e la partecipazione di AAMOD e con il patrocinio di Amnesty International-sezione italiana;

****

LABORATORIO TEATRALE "QUILLI DE POCHE PRETESE"
Progetto realizzato interamento dall'Associazione ed autofinanziato, in corso dal 2009
Il progetto è un dispositivo territoriale innovativo di azioni integrate e di orientamento rivolte a tutti i soggetti a rischio di esclusione sociale, dall’anziano al cittadino extracomunitario. L’orientamento relazionale è una metodologia sperimentale di attivazione di esperienze formative (percorsi di consapevolezza del sé personale e sociale) finalizzate a rendere il soggetto a rischio di esclusione sociale in grado di inserire il sé personale (emotivo, cognitivo, corporeo) – individuale e sociale – nel tessuto del territorio di appartenenza.
Il progetto è stato avviato dal 2009, i risultati attesi dalle diverse azioni, oltre alla diminuzione del rischio di esclusione sociale, erano rappresentati dal successo formativo per i partecipanti, inteso come livello di soddisfazione (percezione di utilità e di arricchimento per sé e per il gruppo di apprendimento), allestimento di eventi che rendessero visibili i risultati conseguiti (evento teatrale, mostre dei lavori eseguiti all’interno del laboratorio) fino alla costituzione di un gruppo teatrale stabile.
I risultati conseguiti, anno per anno, hanno superato di gran lunga quelli attesi giungendo non solo alla costituzione di un gruppo teatrale stabile che affianca i lavori del laboratorio ma ad una prima rappresentazione (“Armando Cioffetta, appaltatore”) all’interno della nostra Associazione e in giro per la provincia di Terni. I partecipanti al laboratorio hanno:
  • adattato la sceneggiatura ed il testo;
  • realizzato la scenografia ed i costumi;
  • effettuato una decina di rappresentazioni (nella sede della nostra Associazione, ad Acquasparta, al Centro Sociale di Narni-Scalo, a piazza Clai nell’evento organizzato dalla Pro Loco di Terni);
Già nel corso dall’estate del 2010 il laboratorio ha ripreso a funzionare per la preparazione di una nuova rappresentazione. Occorre segnalare che la sceneggiatura di tale nuova commedia è stata anche scritta direttamente dai partecipanti

LABORATORIO DELLE ARTI E DEI MESTIERI "PASSATO E FUTURO"
Progetto di cui l'Associazione è capofila, realizzato in collaborazione con il C.S. "Il Palazzone" e l'Associazione Apurimac, in corso dal 2008 e terminato nel 2010
Il progetto mira a:
  • sviluppare una più larga rete di solidarietà che recuperi il rapporto con le donne e gli uomini soli restituendo significato alla loro vita;
  • costituire, con l’aiuto degli anziani, un polo di attrazione, attivando una serie di servizi culturali e ricreativi capaci di coinvolgere anche la parrocchia e la scuola.
****

PROGETTO "GUGLIELMI SCUOLA"
Ideato ed autofinanziato dall'Associazione, realizzato in collaborazione con il Comitato per i Diritti dei Bambini, la sezione di Terni di Italia Nostra onlus, la Parrocchia di San Pietro, l'Associazione Culturale "NahArti" - in corso dal 2009
Il progetto consiste nell'organizzazione e la presentazione di lezioni rivolte ai bambini e ai ragazzi, alle scuole elementari e medie del territorio.
Attraverso il coordinamento e la supervisione del Prof. Carlo Santulli, docente e ricercatore all'Università di Roma "La Sapienza", è stato possibile realizzare vari cicli di lezioni, per lo più riguardanti l'ambiente e la sostenibilità ambientale, pensate proprio per i più giovani per poter attrarre la loro attenzione e sensibilizzarli.
Ad esempio il ciclo di lezioni per le scuole elementari: "Le scoperte di Triplaerre, una favola ambientale. Come accadde che il signor Triplaesse giunse a conoscere tante cose interessanti sulle piante e sulla natura, finché capì anche se stesso".

****
S.O.S. GUGLIELMI - TELEAIUTO E TELEASSISTENZA
Contattando la nostra segreteria, dal lunedi al venerdi, dalle ore 9,30-12,00 e dalle ore 16,30.17,30, è possible prenotare direttamente il servizio di "Teleaiuto e Teleassistenza" svolto dai nostri volontari.
Il servizio è rivolto principalmente agli iscritti dell'Associazione di Promozione Sociale "Rete Sociale Guglielmi" e ai residente del quartiere.
Il servizio consiste in:
  1. consegna a domicilio di spesa e medicinali;
  2. fornitura di pasti per situazioni di emergenza;
  3. superamento delle barriere fisiche e burocratiche;
  4. accompagnamento ad uffici, strutture sanitarie, visite mediche;
  5. libero movimento: trasporto urbano gratuito e compagnia.
Oltre a tale servizio, è rimasta attiva nel corso del 2010 ed è tuttora attiva la partecipazione al progetto "ANZIANI INSIEME" in cui il teleaiuto e la teleassistenza è svolto dai nostri volontari su segnalazione del centralino del "Filo d'Argento" gestito dall'AUSER.

INSIEME per imparare e condividere, INSIEME per non dimenticare, INSIEME per divertirsi !!!