RETE SOCIALE


RETE SOCIALE GUGLIELMI è un'associazione di promozione sociale nata nel 2010 da un gruppo di soci dell'Associazione Sociale Culturale Ricreativa Guglielmi onlus.
Aderisce all'ANCeSCAO (Associazione Nazionale Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti) sottoscrivendo e riconoscendosi nei suoi principi ispiratori ed accettandone le regole contenute nei vari Statuti, compreso il Codice Etico - riportato qui sotto - approvato dal Consiglio Nazionale in data 11/5/2010.

Perché Rete Sociale?
Una Rete Sociale consiste in un qualsiasi gruppo di persone connesse tra loro da diversi legami sociali, che vanno dalla conoscenza casuale, ai rapporti di lavoro, ai vincoli familiari. Rete Sociale è la stessa base significante di ogni associazione di promozione sociale. 
In senso generale la Rete Sociale è costituita da un insieme - o da insiemi - di attori sociali e di relazioni definite tra tale insieme di attori. Le reti sono quindi strutture relazionali tra attori ed in quanto tali costituiscono una forma sociale rilevante che definisce il contesto in cui si muovono quegli stessi attori.


L'Associazione persegue i seguenti obiettivi:
  • promozione sociale individuale e di pratiche di empowerment sociale
  • sensibilizzazione e informazione su alcuni temi di interesse generale
  • pratica dell'autogestione e di una relazione informale e diretta tra le persone, capace di superare la consueta distinzione tra organizzatori e fruitori di iniziative ricreative, culturali o di servizi
  • sperimentazione di modelli e metodologie di formazione attiva, con l'obiettivo di favorire la consapevolezza e il rinforzo di competenze di base, di facilitare l'orientamento socio-professionale e ai servizi presenti sul territorio
  • creazione di occasioni di scambio culturale e socializzazione secondaria, utili a gettare le basi di una società interculturale, multietnica e orientata al rispetto e valorizzazione delle diversità
Scopi e finalità:
  • favorire una riflessione sulla costruzione dei linguaggi e della memoria dell'immaginario individuale e collettivo
  • favorire l'impegno nello sviluppo di una coscienza civica e di pratiche di cittadinanza attiva
  • promuovere l'attualizzazione con nuovi interrogativi della tematica della differenza: di genere, culturale, religiosa, linguistica o generazionale
  • promuovere una concezione della creatività come risorsa sociale da sostenere e salvaguardare in tutte le fasce di età della popolazione, come premessa allo sviluppo di abilità sociali e competenze trasversali sempre più preziose in una società in veloce trasformazione, come è quella attuale
  • promuovere la socializzazione, la formazione e la cultura per il benessere individuale e collettivo
  • supportare la creazione e lo sviluppo di modelli di relazione inclusiva e di pratiche di cooperazione con particolare attenzione all'infanzia e ai giovani, ai diversamente abili, alle categorie a rischio, ai soggetti svantaggiati o in difficoltà
  • promuovere la salvaguardia e tutela dell'ambiente naturale, culturale e paesaggistico
  • costruire legami di comunità e rinforzare la coesione sociale

Codice Etico
Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO"

Approvato dal Consiglio Nazionale nella seduta del giorno 11/05/2010

Premessa
La vita di un'Associazione si svolge necessariamente attraverso norme statutarie e regolamentari e si completa attraverso i comportamenti delle persone. Questi devono essere ispirati a valori e a regole etiche e deontologiche che salvaguardino gli interessi e l'immagine dell'Associazione in quanto tale e assicurino contemporaneamente una corretta vita associativa a tutti i suoi membri. Da questa considerazione traggono ispirazione le norme del presente Codice Etico. Esse non sono in alcun modo sostitutive delle norme statutarie e regolamentari, ma a queste si affiancano. Ogni socio ed ogni Dirigente dell'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO", deve ispirare ad esse il proprio comportamento con la consapevolezza che una loro trasgressione comporta di fatto l'autoesclusione morale dalla vita associativa dell'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO".

I
I soci dell'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO" s'impegnano a tener conto, in ogni comportamento, delle conseguenti ricadute sull'intera Associazione. L'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO" richiede ai suoi aderenti comportamenti improntati a correttezza e serietà professionale.

II
I soci dell'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO", nel perseguire gli interessi culturali, sportivi, ricreativi e sociali, s'impegnano a partecipare alla vita associativa con spirito costruttivo, non visiato da condizionamento alcuno, avendo come obiettivo prioritario l'interesse dell'Associazione. Essi devono contribuire alla costruzione di una positiva immagine associativa ed operare per accrescere il prestigio e l'autorevolezza dell'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO".

III
Appartenere all'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO" significa assumere un impegno di solidarietà in un corretto rapporto di lealtà, amicizia e fratellanza. Dirigenti e soci devono utilizzare mezzi, risorse e strutture dell'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO" con il criterio del buon padre di famiglia, come onesto amministratore e con lo stesso riguardo dovuto ai propri beni.

IV
I dirigenti ed i Consiglieri dell'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO" e dei dirigenti delle Associazioni aderenti, sono tenuti ad operare con imparzialità, senza indulgere a trattamenti di favore, assumendo le proprie decisioni nella massima trasparenza e respingendo indebite pressioni. In nessun caso devono concorrere a determinare situazioni di privilegio a proprio vantaggio. L'individuazione dei collaboratori per le attività dell'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO" deve avvenire con imparzialità e deve essere improntata a criteri di competenza, di professionalità, di serietà, indipendentemente dalle appartenenze politiche, sindacali, religiose, di sesso o di razza. Il comportamento dei dirigenti deve essere sempre improntato alla massima correttezza in quanto costituisce modello di riferimento per tutti i collaboratori.

V
I dirigenti dell'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO" devono adoperarsi per favorire cordiali rapporti tra i soci e dirimere le eventuali divergenze nell'ambito di una dialettica franca e serena. In tutti i casi deve essere fermamente ripudiata ogni forma di scorretta ed insensata concorrenzialità, di conflitto d'interessi e di denigrazione personale. In particolar modo, devono tenere comportamenti ispirati a lealtà, imparzialità, diligenza e correttezza, impegnandosi a:
  • esercitare la funzione con spirito di servizio verso l'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO", gli associati ed il mondo esterno, senza avvalersene per vantaggi diretti od indiretti;
  • mantenere un comportamento non condizionato da personali convincimenti politici, sindacali o religiosi e non accettare doni, od altre utilità, ad eccezione dei regali d'uso di modico valore;
  • fare un uso riservato delle informazioni di cui vengono a conoscenza in virtù delle cariche ricoperte ed evitare di conferire e/o assumere incarichi che possano creare conflitti d'interesse;
  • rimettere il proprio mandato qualora, per motivi anche privati, siano incorsi in vicende che producono nocumento all'immagine dell'Associazione;
  • non esercitare alcuna attività d'interesse privato in locali dell'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO", né utilizzare beni e/o servizi dell'Associazione a questo scopo.
VI
Tutte le Associazioni che ottengono il certificato di affiliazione considerano quali principi essenziali la trasparenza dei bilanci e della contabilità. Ciascuna registrazione contabile deve rispondere esattamente a ciò che è descritto nella documentazione di supporto. Non è consentito alcun occultamento di informazioni né alcuna rappresentazione parziale o fuorviante. Chiunque sia al corrente di omissioni, di falsificazioni, di trascuratezze nella contabilità e nelle registrazioni contabili è tenuto a riferirne alle strutture associative superiori. Modifiche, variazioni ed integrazioni al presente Codice etico potranno essere apportate dal Consiglio Nazionale dell'Associazione Nazionale dei Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti - "ANCeSCAO".

INSIEME per imparare e condividere, INSIEME per non dimenticare, INSIEME per divertirsi !!!