giovedì 11 novembre 2010

Parlano di noi: "DIRITTI DEI BIMBI E DEGLI ADOLESCENTI, NASCE 'AGENDA 0-18'" (il Giornale dell'Umbria - 11/11/2010)


Terni - La Provincia di Terni, in coordinamento con la Regione, promuove il progetto "Agenda 0-18" per la tutela dei diritti dei bambini e adolescenti. "Agenda 0-18" mette insieme i 33 Comuni del territorio provinciale, il Cesvol, il Centro Sociale Guglielmi (capofila per le associazioni), il Coordinamento dei genitori democrativi, la Fish, Legambiente, il Movimento per l'infanzia, i Maestri cattolici italiani, le Acli, l'Arci, i Genitori si diventa, l'Albero del fare e l'Apav.

L'obiettivo è quello di trasferire la metodologia dell'Agenda 22, già sperimentata nell'ambito della disabilità, alla pianificazione di politiche e servizi in favore dei bambini e degli adolescenti su tutto il terrotorio provinciale. Il progetto diffonderà una conoscenza consapevole della situazione in cui vivono un provincia bambini e adolescenti, attivando un osservatorio sull'infanzia e l'adolescenza che confronti i bisogni con i servizi e sviluppando un dialogo reale con le istituzioni.

"Agenda 0-18 - afferma l'assessore provinciale alle Politiche sociali, Marcello Bigerna - è un cambiamento di cultura nell'approccio alla collaborazione tra associazioni, mondo del volontariato, enti ed istituzioni. Si tratta di un progetto innovativo - spiega - primo in assoluto nel suo genere, che vuole mettere al centro i giovani sin dalla prima infanzia come protagonisti nelle scelte delle politiche sociali dando un questo campo un ruolo fondamentale al volontariato. Agenda 0-18 è anche la costruzione di un progetto che nasce dal coinvolgimento e dalla partecipazione di tutti i soggetti interessati che, ognuno per le proprie competenze e conoscenze, interagisce, costruisce e poi cerca risorse finanziarie per la realizzazione del progetto.
In tal modo viene eliminata la logica del contributo a pioggia. La Provincia ha svolto il suo compito istituzionale primario di coordinamento ed è stata in tal senso punto di riferimento per la costruzione e la presentazione del progetto".

martedì 22 giugno 2010

Parlano di noi: "IN ARRIVO IL PRESIDIO DI CITTADINANZA", di ARNALDO CASALI (Il Giornale dell'Umbria 22/06/2010, pg. 37)


TERNI - Un presidio di cittadinanza per il volontariato che crei un coordinamento tra tutte le associazioni del territorio ternano. E' il "Pre.di.ci", progetto con cui il centro sociale "Guglielmi" ha vinto il bando di progettazione sociale del Cesvol in ambito ternano. Risultato primo in graduatoria e unico approvato tra quelli presentati dai centri sociali del ternano, il PreDiCi si propone di diventare un punto di riferimento per tutte le associazioni di volontariato della città.





"Innanzitutto - spiega il presidente del Guglielmi Lorenzo Gianfelice - l'obiettivo è quello di creare un coordinamento tra le associazioni, anche per ottimizzare le risorse ed evitare gli sprechi". "Allo stato attuale, infatti - prosegue Gianfelice - le associazioni agiscono sempre autonomamente quando devono organizzare iniziative o partecipare a bandi, e questo crea molte più difficoltà, specie alle piccole realtà, e crea doppioni".
Il Presidio di Cittadinanza si propone di unificare progetti, soprattutto per quanto riguarda gli spazi e la logistica.

"L'obiettivo - aggiunge - è anche di occuparsi della formazione di chi fa volontariato, perchè questa è una delle difficoltà principali, soprattutto per le realtà più piccole".
Se, una volta partito, il progetto dovesse funzionare, potrebbe rappresentare un'autentica rivoluzione nel mondo dell'associazionismo.

Il centro sociale "Guglielmi", fondato nel 1989 da Nicola Marrone (a cui sarà dedicato nelle prossime settimane il salone principale della struttura) insieme al "Volta" è l'unico ad ospitare al suo interno una doppia realtà: l'associazione di volontariato e l'associazione di promozione sociale.

"Il nuovo regolamento del ministero - spiega il giovane presidente - ha imposto una distinzione netta tra promozione sociale e volontariato". L'associazione di promozione sociale si occupa infatti esclusivamente di attività ricreative destinare ai soci del centro, mentra l'associazione di volontariato promuove attività destinate a soggetti esterni.

La maggior parte dei centri sociali dell'Ancescao sono diventati associazioni di promozione sociale, mentre il Guglielmi ha scelto di camminare su un doppio binario. "All'associazione di volontariato operante da vent'anni, infatti, abbiamo affiancato la Rete Sociale Guglielmi".Le due associazioni hanno organici ed obiettivi differenti, anche se fanno entrambe capo al centro sociale Guglielmi.

Se le associazioni di promozione sociale hanno da anni un coordinamento nell'Ancescao (che proprio Marrone contribuì a fondare) manca invece ancora un punto di riferimento per le associazioni di volontariato. Un punto di riferimento che sarebbe intenzionato a creare anche l'assessore comunale alle politiche sociali Stefano Bucari. "Bucari vorrebbe creare un tavolo per confrontarsi con le varie realtà - commenta Gianfelice - il nostro invece è un percorso partecipato. Si tratta di associazioni che creano da sè un coordinamento, anche per sostenere, come dicevo, le realtà più piccole che non hanno la possibilità delle grandi associazioni. Insomma, vorrebbe essere una sorta di 'Agenda 21' dedicata al volontariato".

L'impresa, Gianfelice lo sa, è tutt'altro che semplice, visto il particolarismo che regna sovrano nel mondo dell'associazionismo ternano, che continua a creare scarse occasioni di collaborazione e di confronto tra le associazioni e che ha mandato sostanzialmente falliti tutti i tentativi di coordinamento.

"Intanto, la prima cosa che dovremo fare sarà individuare tutte le associazioni del territorio per far conoscere questo progetto".

Progetto già premiato dal Cesvol insieme altri trenta progetti tra Terni, Narni e Orvieto. Tra questi anche il progetto "Anziani attivi" del centro sociale Libera età di Narni; non sono invece passati il progetto "Oggi domani anziani" (per vizio di forma), e il progetto di promozione della salute degli anziani nelle case di riposo promosso dal centro sociale "Volta" e "Young factory" promosso dal centro sociale ternano "Palazzone".

lunedì 22 marzo 2010

TURISMO SOCIALE: SOGGIORNO MARINO 2010



Anche quest'anno il Centro Sociale "Guglielmi" organizza il soggiorno marino dal 21 agosto al 4 settembre presso l'Hotel Garisenda di Riccione (per avere maggiori informazioni cliccate sull'Hotel).
Per qualsiasi informazione o chiarimento potete contattare tutti i giorni la nostra segreteria al numero 0744/407155 oppure il Presidente al numero 3401530943.

INSIEME per imparare e condividere, INSIEME per non dimenticare, INSIEME per divertirsi !!!